Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, l'Azienda La Corona utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Policy Privacy

Acquista online ora!!

FacebookTwitter

Il MOSCATO DI SCANZO DOCG

Wine of legend, wine of the Gods, come to us from the distant prehistory, legend of the wandering peoples of Asia Minor: this is the MOSCATO DI SCANZO.

The Moscato is harvested manually from the beginning until the middle of October in plastic crates being careful not to ruin the grapes. Once harvested, the broken berries are eliminated in order to prevent mold during the drying period.

Once cleaned all the bunches from the broken berries, they are stored in special boxes, which favor the passage of air, and left to pass from 21 to 40 days (depending on weather conditions). The withering takes place in a protected room but in a natural way without any kind of conditioning or other kind of forcing. Leaving the bunch in contact with the external environment, the bunch absorbs all the characteristics of the environment.

During the drying phase, monitoring is carried out periodically and, if there is any mold formation, the grapes are eliminated or, in the worst cases, the bunches.

Once the appropriate degree of drying has been reached, the grapes are removed from the grapes.

At this point begins the fermentation phase which proceeds for a few months; during this phase the pressing of the marc is initially carried out and then the mute are periodically carried out.

Once fermentation is complete, the wine obtained is left to rest for almost 18 months, during which the filtering and the intended wetsuits are carried out. in the autumn of two years after the bottling is carried out to prepare for the sale that can start after 11 November.

 

Moscato di Scanzo

Moscato di Scanzo is a typical meditation wine, ruby ​​red in color, extremely fragrant with a predominance of wild berries, marasca, which with aging tends to assume, predominantly, the taste of fruit compote; in the aftertaste flavors of incense and flint.

Acquista

 

Il nome del vino eredita il nome direttamente dal vitigno, Moscato di Scanzo, dal quale crescono le uve per la produzione del prodotto.

I grappoli, una volta raccolti, vengono ripuliti degli acini rotti e messi ad appassire su telai o in cassette particolari che favoriscono l'areazione. L'appassimento dura mediamente dai 21 ai 40 giorni durante i quali vi è un continuo controllo per evitare la formazione di muffe (l'appassimento avviene in modo naturale, si utilizza solo la ventilazione). Dopo questo periodo i grappoli vengono deraspati e inizia la fermentazione del mosto insieme alle vinacce. Dopo qualche giorno si procede alla torchiatura e il vino viene lasciato fermentare per i successivi mesi in vasche d'acciaio.

Ultimata la fermentazione si procede al primo filtraggio e il vino viene fatto riposare, tra una muta e l'altra, in botti di acciaio per circa 18 mesi. Passato questo periodo viene imbottigliato e conclude la maturazione in bottiglia fino al 24° mese (11 novembre delle due annate successive).

Il Moscato di Scanzo è un tipico vino da meditazione, colore rosso rubino carico, estremamente profumato con predominanza di frutti di bosco, marasche, che con l’invecchiamento tende ad assumere, in predominanza, il gusto di composta di frutta; in retrogusto sapori di incenso e di pietra focaia.